Poppy's funeral webpage screeshot

Leggiamo in questo interessante articolo de The guardia sui nuovi modi di intendere un funerale:

Non siamo più abituati a trattare con la morte. Il numero medio di funerali organizzati da una persona nella loro vita è solo di due, osserva Fran Hall, amministratore delegato della Good Funeral Guide. “È un’esperienza molto poco familiare, e credo che l’industria funeraria abbia approfittato di quell’aura di mistero.”

I parenti in lutto sono difficilmente nello stato migliore per guardarsi attorno, se così facendo significa visitare tre o quattro direttori di pompe funebri. “Un’ora e mezza sulla linea sei emotivamente spesa e non riesci a farcela di nuovo”, dice Kim Bird, fondatore del sito gratuito di confronto dei prezzi Aboutthefuneral.

Molte società di pompe funebri offrono servizi solo in pacchetti impacchettati e non inseriscono i loro prezzi sui loro siti web, nonostante il sondaggio effettuato lo scorso anno sul 63% di noi sia in grado di verificare o confrontare ciò che stiamo pagando per.

La morte, dice Poppy Mardall, fondatrice di Poppy’s Funerals, “è diventata un’esperienza da nastro trasportatore”, con grandi compagnie funebri che industrializzano il processo di cura dei corpi delle persone.

Ciò che deve cambiare, lei crede, “è il modo in cui una persona in lutto viene trattata dal momento in cui si mette in contatto”. Non è tanto la modernizzazione del settore, dice, “ma riflettere sui livelli di servizio che un impresario è in grado di offrire, trattando una persona come un individuo, cercando di creare un’atmosfera calda, confortevole e senza paura”. Il suo sito è in anticipo sui costi e intende offrire flessibilità. “Se è legale e possibile, lo faremo.”

 

Il funerale è infatti il primo momento sociale del ricordo di una persona cara scomparsa, fatto, possibilmente, a modo nostro.

Nell’intimità di una cerimonio per pochi in mezzo alla natura

simple country funeral

Solcando le onde di un fiume

boat funeral

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *